Archivio

Archivio per la categoria ‘Società’

eccomi di nuovo… anche se un pò stanca

5 Aprile 2009 3 commenti

Stanca, si un pochino.

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag:

non mi sembra vero… una vita che non scrivo!

6 Novembre 2008 4 commenti
Non so come sia capitato.
Non entravo nemmeno più nella posta, non cercavo nessuno… mi sentivo vuota e forse un pò triste.
Ma il peggio sembra passato.
Così vi posso raccontare di aver incontrato una nuova amica, Franca, che ha come me un simpatico cagnolino, anzi una simpatica cagnolina.
Ogni tanto facciamo una passeggiata e non ci diamo troppo fastidio.
Stamane siamo state alle bellissime piscine di Foxi… a stare serenamente senza pensieri.. che è quello che ci vuole.
Ho avuta una lettera dall’agenzia delle entrate… mi devono restutire 38 euro..
Panico!
Ho quindi scritto alla persona (Angela Maria Belfiori) che spero mi aiuti a sbrogliare la matassa.

 Spero stiate tutti bene… l’inverno mi disturba un pochino… ma passerà!

A presto con tutti gli amici

Categorie:Argomenti vari Tag:

come al solito…

23 Luglio 2008 6 commenti

Come al solito.

 

Sono stanca e affaticata.

Ho lavorato per diversi giorni… dopo aver poltrito per un bel pò.

 

Con un piccolo aiuto di Diego ho sistemato le serrande a casa e poi (sola) a Geremeas.

 

Che vuoi di più?

 

Hai una casetta che costa una fatica immane, con un bel giardino… situata proprio di fronte ad un grande immondezzaio…

 

Ti puoi lamentare?

 

Lavori… zappi… pulisci la casetta… per averla in ordine per i turisti…

 

Non mi posso lamentare…

 

Ma la fatica resta e purtroppo, data la vecchiaia che avanza, sono sempre più lenta e stanca. 

 

I vecchi genitori sopravvivono alla bell’è meglio.

 

Domani mi tocca il turno. Rigorosissimo.

 

Siamo molto attente e ntrambe a non sgarrare.

 

Passerà?  Ma cosa passerà?  Ho uno strano sospetto… che trascorra inutilmente la vita. 

galleggiano…

9 Giugno 2008 6 commenti

in mezzo all’Oceano Pacifico miliardi di sacchetti di plastica, di tutti i colori, fogge e dimensioni.

Sono il ricordo del nostro benessere.

L’Oceano Pacifico è attraversato da 2.500 Km di buste, per una profondità di circa 10 metri.

Una marea d’immondezza frutto della nostra inciviltà.

Per ogni acquisto ci regaliamo una sacchetta di nylon, mater bi, quando va bene, dato che il Mater bi si scioglie rapidamente nell’acqua.

galleggino bottiglie di plastica, reti o loro frammenti, animali intrappolati fra i rifiuti.

Sono ossessionata dal pensiero di tanto inquinamento.

Al mare faccio la spazzina fra gli sguardi ironici dei presenti.

Penso al mondo che ci lasceremo alle spalle.

Immagino la Terra sopravviverà. Forse si salveranno solo gli insetti (blatte e simili) e piccoli artropodi e vermi e naturalmente i virus e i batteri…

 

Prosegui la lettura…

Non ci volevo credere…

10 Maggio 2008 10 commenti

La prima era infilata in un piccolo buchetto.

 

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: , ,

I lombrichi sono cresciuti…

3 Maggio 2008 5 commenti

Non di numero ma sono decisamente ingrassati.

Sarà la terra concimata da bucce d’arancia e limone, da fiori e sacchetti del the, dagli scarti delle verdure, dall’erba delle aiuole della piazza Giovanni,

insomma i lombrichi sono cresciuti ma non di numero.

Non hanno figliato, lo desideravo per ripopolare Geremeas,

 insomma non sono soddisfatta. Pare che mi abbiano venduto lombrichi… sterili… ma si può?

ho trascorso una bella giornata in compagnia di un’amica che non vedevo da mesi, del fido Arturello…

Prosegui la lettura…

Ne ho acquistato… cinquanta…

18 Aprile 2008 7 commenti

Ma de che?

Mi chiederebbe sicuramente Barbara…

Sono arrivati minuscoli in una scatoletta di plastica, immersi in uno strano terriccio.

Li ho osservati erano davvero affamati e piccini..

Di quale razza, non saprei.

Li ho sistemati nei diversi vasi di piantine (querce, cipolla, basilico, salvia timo) e nelle mie amate compostiere.

Sono cresciuti in pochi giorni a dismisura.

Adesso fanno quasi paura.

Beh, sto esagerando. Non fanno paura ma sembrano veramente felici del cibo che gli ho somministrato.

Ah… ma cosa sono?

Sono bellissimi lombrichi.

.

Come leggere il tassobox Lombrico
Classificazione scientifica
Regno: Animalia
Phylum: Anellida
Classe: Clitellata
Sottoclasse: Oligochaeta
Ordine: Haplotaxida
Famiglia: Lumbricidae
Genere: Lumbricus
Species
Partecipa al Progetto:Forme di vita
 

Il lombrico è un anellide appartenente alla sottoclasse oligochaeta.

I lombrichi strisciano nel terreno, inghiottendo il terriccio e digerendone le componenti organiche. Per questa ragione svolgono un ruolo molto importante nell’aerazione dei terreni e nella formazione dell’humus. Sul lato superiore del canale digerente è presente una doccia, detta tiflosole, che permette un miglior rimescolamento del terriccio e fornisce una superficie maggiore per l’assorbimento delle sostanze nutritive.  ermafroditi insufficienti. Gli apparati riproduttori maschili e femminili si trovano in segmenti diversi. Un ispessimento detto clitello, ricco di ghiandole mucipare, permette l’adesione dei due individui, che si accoppiano disponendosi in versi opposti. Accoppiamento di lombrichi

 wikipedia

 

Prosegui la lettura…

Le incredibili avventure notturne dei miei genitori..

4 Dicembre 2007 15 commenti

Papà è sempre stato sonnambulo, e continua ad esserlo anche adesso che è diventato, purtroppo, demente.

 

La notte appena passata si è svegliato ed è scivolato dentro un armadio.

 

Ha chiuso le ante e sbucavano solo i piedi.

 

Mamma accoretasi che lui non era nel letto ha cominciato a cercarlo.

 

Ha visto sbucare le sue ciabatte dalle ante dell’armadio ed ha aperto.

 

Lui si è meravigliato. Ha detto che era pieno di soldi (!) e aveva paura che glieli portassero via.

 

Mamma è riuscita a convincerlo che erano soli.

 

Lo ha portato in giro per la casa. Lo ha fatto uscire nelle scale per tranquillizzarlo e poi è riuscita a farlo riaddormentare…

 

Ma lei è rimasta sveglia a rifletteresulla situazione che stanno vivendo.

 

Un dramma. Anche se sembra quasi una barzelletta. 

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,

Guarita.

28 Novembre 2007 6 commenti

Sono guarita, era ora.

Ho usato di nuovo la bicicletta, era ora.

Ho raccolto le solite cassette di frutta, senza la frutta… mi servono per il caminetto. Bruciano con fiamma rapida, ma scaldano.

Il problema è che bisogna averne un quintale per avere caldo per un’ora…

Sono un pò preoccupata per come prosegue la vita.

Vorrei andare in una casa più piccola ma mi terrorizza il trasloco…

Ho un grave difetto. Non riesco a liberarmi delle cose che ho. Un dramma.

Penso e guardo a lungo l’oggetto che decido di buttare.

Poi lo ripongo dove lo ho preso.

Ci sono in casa talmente tanti strumenti inutili…

Qualcuno ha un suggerimento?

Magari farmi vuotare la casa da qualcuno che non sia io?

Vi suggerisco un sito: La decrescita (felice)

http://www.decrescita.it/

IL PROGRAMMA DELLE OTTO R


La "società della decrescita" presuppone, come primo passo,

la drastica diminuzione degli effetti negativi della crescita e,

Prosegui la lettura…

ho fatto sistemare la cucina a gas…

25 Ottobre 2007 9 commenti

Ho la mania del recupero e del riciclaggio.

Così, dopo aver convissuto con una cucinetta da campeggio per quesi sette anni, mi sono decisa a far aggiustare la vecchia cucina.

Funzionava con il gas di città, ma avuta una piccola perdita, il gas di città era stato eliminato dalla scala.

Col passare degli anni mi ero adattata a usare i due fornelli della cucina da campeggio, poi un giorno ho trovato un signore, a S. Elia che ripara le cucine.

E’ venuto a casa e per la modica cifra di 85 euro mi ha risistemato la vecchissima ignis.

Mi chiedo se ho avuto un’idea brillante (riparare la cucina) o se ho solo buttato soldi.

Con pochi euro in più avrei avuto una cucina nuova, non arruginita, non ventennale (o anche più vecchierella).

Ma ho rispettato le miei idee. Non è poco: recuperare ciò che si può recuperare e riciclare tutto.

Confesso che se avessi saputo che avrei dovuto sborsare 85 euro probabilmente avrei comprato la cucina nuova… alla faccia del recupero e del riciclaggio…

 

Prosegui la lettura…