il computer ha dato… forfait!

30 Luglio 2008 5 commenti

Il computer ha fatto forfait..

così un giorno di punto in bianco mi ha lasciato senza fiato.

Dipendente da tempo da questa benedetta macchina sono rimasta… con le ruote sgonfie.

Vero che vado al mare in macchina questi giorni, a causa di un fastidioso dolore alla colonna vertebrale.

In spiaggia ho ripreso a raccogliere cicche e carta e succhi di frutta e immondezza generica.

Trascorro buona parte del mio tempo in attività.

Se non faccio così mi annoio moltissimo.

Una sana nuotata e poi… la spazzina riprende il suo mestiere.

Naturalmente c’è l’impegno con i genitori…

Ma non mi lamento… la pensione è qualcosa di magico!

come al solito…

23 Luglio 2008 6 commenti

Come al solito.

 

Sono stanca e affaticata.

Ho lavorato per diversi giorni… dopo aver poltrito per un bel pò.

 

Con un piccolo aiuto di Diego ho sistemato le serrande a casa e poi (sola) a Geremeas.

 

Che vuoi di più?

 

Hai una casetta che costa una fatica immane, con un bel giardino… situata proprio di fronte ad un grande immondezzaio…

 

Ti puoi lamentare?

 

Lavori… zappi… pulisci la casetta… per averla in ordine per i turisti…

 

Non mi posso lamentare…

 

Ma la fatica resta e purtroppo, data la vecchiaia che avanza, sono sempre più lenta e stanca. 

 

I vecchi genitori sopravvivono alla bell’è meglio.

 

Domani mi tocca il turno. Rigorosissimo.

 

Siamo molto attente e ntrambe a non sgarrare.

 

Passerà?  Ma cosa passerà?  Ho uno strano sospetto… che trascorra inutilmente la vita. 

Ancora la schiena come un albero a camme…

4 Luglio 2008 14 commenti

Un albero a camme…


 

Prosegui la lettura…

mi spiace davvero…

27 Giugno 2008 10 commenti
Categorie:Curiosità Tag: , ,

La spazzina…

14 Giugno 2008 8 commenti

sono io la spazzina.

Ovunque mi trovi libera, con mani libere e senza il cagnolino al seguito, mi metto a raccogliere l’immondezza.

Tutte le mattine ormai mi reco alla spiaggetta di s. Elia e faccio la spazzina.

Per prima cosa mi recupero qualche busta di plastica.

Azzurre, bianche, gialline.

Qualunque tipo che si dimostri abbastanza resistente va bene.

E mi aggiro per la spiaggia e vicino alle barche ormai in disarmo. Le vuoto dall’immensa quantità di "aliga" (immondezza) che raccolgono.

Acqua in bottiglia, lattine di coca cole, di birra, reti verdoline, nasse rotte, e buste… buste in quantità incredibile.

Oggi ho raccolto sei buste, dal mare ho recuperato i sacchi che vengono buttati dalle navi, sacchi di dimensioni esagerate.

Ho fatto il mio lavoro con molta attenzione.

Negli anni ho ricevuto dagli spazzini (quelli autorizzati) guanti anti anti taglio. Così non mi faccio male e lavoro.

Io sono soddisfatta mi sembra di dare una mano al mondo… che forse, del mio aiuto, non ha tanto bisogno…

galleggiano…

9 Giugno 2008 6 commenti

in mezzo all’Oceano Pacifico miliardi di sacchetti di plastica, di tutti i colori, fogge e dimensioni.

Sono il ricordo del nostro benessere.

L’Oceano Pacifico è attraversato da 2.500 Km di buste, per una profondità di circa 10 metri.

Una marea d’immondezza frutto della nostra inciviltà.

Per ogni acquisto ci regaliamo una sacchetta di nylon, mater bi, quando va bene, dato che il Mater bi si scioglie rapidamente nell’acqua.

galleggino bottiglie di plastica, reti o loro frammenti, animali intrappolati fra i rifiuti.

Sono ossessionata dal pensiero di tanto inquinamento.

Al mare faccio la spazzina fra gli sguardi ironici dei presenti.

Penso al mondo che ci lasceremo alle spalle.

Immagino la Terra sopravviverà. Forse si salveranno solo gli insetti (blatte e simili) e piccoli artropodi e vermi e naturalmente i virus e i batteri…

 

Prosegui la lettura…

Palle, Ibm, topi e lingua italiana

2 Giugno 2008 3 commenti

Nico Martinello, Milano

(tratto da: Diario della settimana)

Le palle dei topi sono da oggi disponibili come parti di ricambio. Se il vostro topo ha difficoltà a funzionare correttamente, o funziona a scatti, è possibile che esso abbia bisogno di una palla di ricambio. A causa della delicata procedure di sostituzione delle palle, è sempre consigliabile che essa sia eseguita da personale esperto. Prima di procedere, determinate di che tipo di palle ha bisogno il vostro topo. Per fare ciò basta esaminare la sua parte inferiore.

Le palle dei topi americani sono normalmente più grandi e più dure di quelle dei topi d’oltre oceano. La procedura di rimozione di una palla varia a seconda della marca del topo. La protezione delle palle dei topi d’oltre oceano può essere semplicemente fatta saltare via con un fermacarte, mentre, sulla protezione delle palle dei topi americani deve prima essere esercitata una torsione in senso orario o antiorario…

Normalmnete le palle dei topi non si caricano di elettricità statica, ma è comunque meglio trattarle con cautela, così da evitare scariche impreviste.

Una volta completata la sostituzione il topo può essere utilizzato immediatamente.

Si raccomanda al personale esperto di porate sempre con sè un paio di palle di riserva, così da garantire la massima soddisfazione del cliente. Nel caso in cui le palle di ricambio scarseggino, è possibile inviarne richiesta alla distribuzione centrale utilizzando i codici:

Pin 33F8462 – Palle per topi americani

Pin 33F8461 – Palle per topi stranieri.

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

Lombricologia…

26 Maggio 2008 11 commenti

Crescono, e sono anche rapidi ogni giorno li riconto e da 18 avantieri oggi sono 23…

Aumentano di numero e di dimensioni… fra un pò avrò un vero allevamento…

 

Prosegui la lettura…

Categorie:Curiosità Tag:

Un vaso di terra… umida, in lieve penombra…

22 Maggio 2008 7 commenti

Lo ho svuotato…

Con meraviglia e confesso, gioia, li ho trovati.

Stanno bene… i miei lombrichi, nel vaso al sole cocente del pomeriggio, nella terra sempre umida, fra bucce di fave… (non sono fabici, ovviamente) e lattuga e il vaso di timo che ha deciso di seccarsi… sono cresciuti.

Di numero, sono ormai 18…, ma siccome alcuni erano davvero piccini, magari sono anche di più.

Perché mi piaccia tanto rimestare nella… ehm.. cacca non so.

Mi divertiva da bambina… e non avevo scoperto i lombrichi e mi diverte anche adesso.

Ho ammucchiato lombrichi di tutte le dimensioni.

Alcuni li ho donati a Marcella… e stanno freschi all’ombra del suo terrazzo esposto a nord.

Gli altri crescono, e nell’attesa di poterne donare agli amici che me li hanno chiesti, li allevo premurosamente.

 

Prosegui la lettura…

Eccole le querce belle. fotografate da Marcella

16 Maggio 2008 7 commenti